Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Giurisprudenza

Corte Ue, no al regime del margine per i ricambi di auto usate

È la conclusione a cui sono pervenuti i giudici comunitari su una questione che coinvolge le cessioni di beni

Thumbnail
La società bulgara si occupa della rivendita di veicoli di seconda mano. In seguito a un accertamento effettuato dall'Amministrazione finanziaria bulgara, la società, proponendo ricorso giurisdizionale al tribunale amministrativo, rilevava che i beni in questione non rientravano nella nozione di beni di occasione come previsto dalla disciplina bulgara sull'Iva. Questa caratteristica comportava l'inapplicabilità alla fattispecie della disciplina prevista per tali beni.
La società adduceva inoltre che la sua situazione non era riconducibile al regime del margine che a suo modo di vedere, non troverebbe applicazione per le cessioni di beni importati dal soggetto passivo rivenditore. Ne deriva che essa sarebbe autorizzata ad avvalersi del diritto al credito di imposta secondo le condizioni previste dalla normativa bulgara.
Ciò posto, il tribunale amministrativo ha ritenuto che la società istante si fosse regolarmente avvalsa del diritto al credito di imposta relativo alle importazioni effettuate. La decisione riposa sulla considerazione che i beni importati non fossero beni di occasione, posto che costituivano beni generici e non designati individualmente tramite caratteristiche che consentono di distinguerli da altri oggetti dello stesso genere.
Pertanto, l'Amministrazione finanziaria ha presentato ricorso dinanzi alla Corte di Cassazione, che ha sottoposto alcune questioni al vaglio pregiudiziale della Corte di Giustizia.

La normativa comunitaria
La direttiva n. 2006/212 (articoli 311 e seguenti), reca la disciplina dei regimi speciali applicabili ai beni di occasione e agli oggetti d'arte, da collezione o di antiquariato.
Tale disciplina prevede che gli Stati membri applichino alle cessioni di tali beni effettuate da soggetti passivi rivenditori un regime speciale di imposizione del margine realizzato dal soggetto passivo rivenditore.
Inoltre, per ciascuna cessione per cui è ammesso il regime del margine, il soggetto passivo rivenditore può applicare il normale regime Iva.
In base a quanto previsto dall'articolo 320 della direttiva, il soggetto passivo che applica il regime normale dell'Iva alla cessione di tali beni da lui importati, ha il diritto di detrarre dall'importo dell'imposta di cui è debitore, l'Iva dovuta o assolta all'importazione del bene.

La normativa nazionale   
In base al combinato disposto degli articoli 54 e 68 della legge bulgara sull'Iva il credito d'imposta è l'importo che un soggetto IVA può detrarre dal suo debito fiscale, tra l'altro, per una importazione da essa effettuata.
La disciplina fiscale nazionale dettata in relazione al regime fiscale del margine prevede che questo regime si applica in relazione alla cessione effettuata da un rivenditore, per beni di occasione, oggetti d'arte, oggetti da collezione, e di antiquariato che gli sono stati ceduti  all'interno dello Stato o che gli sono stati ceduti provenendo dal territorio di altro Stato membro da parte di una serie di soggetti elencati nell'articolo 143 della normativa Iva.
La disciplina nazionale prevede che i beni d'occasione sono beni mobili di seconda mano, individualmente identificati, suscettibili di reimpiego nello stato originario o previa riparazione per la finalità per la quale sono stati creati.

Le richieste del giudice del rinvio
Il giudice 'a quo' nutre dubbi in ordine alla qualificazione dei beni oggetto della controversia come beni di occasione. Ciò accade perché la normativa bulgara, contrariamente alla disciplina comunitaria, prevede che i beni d'occasione debbano essere individualmente identificati. Chiede pertanto di conoscere se la nozione di beni d'occasione, come definita dalla direttiva 2006/112, comprenda anche beni mobili d'occasione che non siano individualizzati in modo tale da distinguersi da altri beni dello stesso genere, determinati secondo caratteristiche generiche.
Nell'ipotesi in cui i beni in esame siano ascrivibili alla categoria dei beni d'occasione, chiede di conoscere, tra l'altro, se il regime fiscale del margine sia applicabile alla fattispecie in esame.

Le valutazioni della Corte
La Corte di Giustizia non affronta la questione relativa all'esatta individuazione della qualificazione dei beni di occasione, ritenendo la questione assorbita da quella relativa alla applicabilità alla fattispecie in esame del regime del margine.
Al riguardo, la Corte di Giustizia è chiamata a verificare se l'articolo 314 della direttiva n. 2006/112  debba essere interpretato nel senso che il regime del margine sia applicabile a cessioni di beni di occasione che il soggetto passivo IVA rivenditore ha importato nell'Unione.
La Corte osserva che l'ambito applicativo dell'articolo 314 della direttiva è limitato alla rivendita di beni di occasione, oggetti d'arte, d'antiquariato o da collezione precedentemente ceduti al soggetto passivo rivenditore nell'Unione. Viene altresì evidenziato che il regime del margine costituisce una eccezione al regime generale previsto dalla direttiva 2006/112 e che in quanto regime particolare non può essere applicato al di fuori dei limiti necessari al raggiungimento del suo obiettivo.
Detto obiettivo consta nell'evitare la doppia imposizione e le distorsioni di concorrenza tra soggetti passivi nel settore dei beni di occasione.
Occorre pertanto verificare se nel caso di specie sussista quel rischio di doppia imposizione che giustifichi l'applicazione del regime del margine.
Al riguardo la Corte osserva che detto rischio non si presenta laddove, come avviene nella fattispecie in esame, un soggetto passivo rivenditore rivenda beni da egli stesso importati, in regime normale di IVA nello Stato membro in cui effettua tali operazioni, ed esercita il diritto a detrarre l'Iva assolta per tali beni importati.
Come del resto già ribadito in fase di relazione della direttiva in esame, è la stessa esistenza del diritto alla detrazione in capo al soggetto passivo a escludere il rischio della doppia imposizione, che abitualmente invece giustifica l'applicazione del regime del margine.
Pertanto, alla luce della ritenuta inapplicabilità al caso di specie del regime del margine, la Corte ritiene assorbita la connessa questione relativa alla esatta individuazione della nozione di bene d'occasione, ai sensi dell'articolo 311 della direttiva.

La conclusione   
La Corte ritiene che l'articolo 314 della direttiva deve essere interpretato nel senso che il regime del margine non è applicabile alle cessioni di beni quali i pezzi di seconda mano per gli autoveicoli, che il soggetto passivo rivenditore ha importato nell'Unione in regime normale dell'Iva.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/giurisprudenza/articolo/corte-ue-no-al-regime-del-margine-ricambi-auto-usate