Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

Codici per inadempimenti catastali
ora utilizzabili anche con l’F24 Ep

Accolti nel modello dedicato agli enti pubblici, consentono di versare gli importi richiesti dall’Agenzia per inosservanza delle disposizioni in materia immobiliare

Thumbnail
I codici tributo già in uso con il modello F24 per il pagamento delle somme dovute a seguito dell’attribuzione d’ufficio della rendita presunta e delle somme accertate a seguito di violazioni della normativa catastale – istituiti, rispettivamente, con le risoluzioni 19/2012 (vedi “Rendita attribuita d’ufficio, pronto un poker di codici”) e 50/2015 (vedi “Pronti i codici per pagare con F24 le somme da accertamento catastale”) – possono essere utilizzati anche con l’F24 enti pubblici.
 
A tale scopo, la risoluzione n. 66/E del 21 luglio 2015 apre le porte dell’F24 Ep ai seguenti codici tributo, da esporre in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”:
“T001” - Tributi speciali catastali - rendita presunta
“T002” - Sanzione per mancato adempimento catastale - rendita presunta
“T003” - Interessi - rendita presunta
“T004” - Oneri accessori connessi alla determinazione della rendita presunta
“T009” - Tributi speciali catastali - accertamento catastale
“T010” - Sanzioni per mancati adempimenti catastali - accertamento catastale
“T011” - Interessi sui tributi speciali catastali - accertamento catastale
“T012” - Imposta di bollo - accertamento catastale
“T013” - Recupero spese per volture - accertamento catastale.
“T014” - Oneri accessori per operazioni catastali - accertamento catastale
“T015” - Altre spese per operazioni catastali - accertamento catastale.
 
Nel campo “sezione” del modello F24 Ep va specificato che destinatario delle somme è l’“Erario” (valore “F”). Inoltre, i dati da riportare nei campi “codice atto” e “riferimento B” (ossia, l’anno cui si riferisce il versamento) devono essere desunti dall’atto emesso dall’ufficio.
 
La risoluzione, infine, ricorda che è esteso alla modalità F24 Ep anche il codice tributo “806T”, che va utilizzato per versare le spese di notifica degli atti emessi dagli uffici per inosservanza delle norme catastali.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/codici-inadempimenti-catastali-ora-utilizzabili-anche-lf24-ep