Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

F24 on line anche per il garante. Stabilita la connessione con il c/c

Le specifiche tecniche modificate saranno operative dal 1° dicembre. Serviranno alle “coperture” codice 60

Thumbnail
Con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 15 novembre, sono state approvate nuove specifiche tecniche di trasmissione dei dati relativi ai versamenti effettuati telematicamente con F24, da parte di soggetti diversi dai debitori principali, con addebito sul proprio conto corrente bancario o postale.
La novità sta nel fatto che, dal prossimo 1° dicembre, data in cui le specifiche modificate andranno a sostituire definitivamente quelle precedentemente approvate con il provvedimento del 29 marzo scorso, è stata stabilita una “connessione” tra il codice identificativo del garante e il suo conto corrente. Grazie a questa operazione, colui che offre la “copertura” al contribuente debitore potrà quindi utilizzare il web per pagare le somme “garantite”.
Per capire meglio la questione, va ricordato che, in caso di importi a debito superiori a 50mila euro, al contribuente, da un lato è concessa la possibilità di rateizzare le somme, dall’altro è richiesta adeguata garanzia che copra sia l’ammontare dovuto sia la sanzione in misura piena. Il debitore può optare per una polizza fideiussoria, per una fideiussione bancaria oppure può ottenere dall’ufficio l’autorizzazione ad accendere, in proprio o tramite terzo datore, un’ipoteca volontaria di primo grado su un immobile di sua esclusiva proprietà.
In caso di mancato, insufficiente o tardivo pagamento, anche di una sola rata, l’ufficio invia al garante o terzo datore di ipoteca, prima dell’iscrizione a ruolo, un invito a pagare entro 30 giorni dalla notifica l’intero importo del debito residuo. Per identificarlo, l’Agenzia, ha istituito, con la risoluzione n. 31/2010, il codice “60-garante/terzo datore”, da indicare nel modello F24 al momento del pagamento. Ma, fino ad ora, non gli era consentito l’utilizzo dei servizi on line, per l’impossibilità di “agganciare” il codice 60 al relativo conto corrente.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/f24-on-line-anche-garante-stabilita-connessione-cc