Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

Invio di comunicazioni in caso
di anomalie dati per il 2015-2017

L’Agenzia delle entrate mette a disposizione dei contribuenti le informazioni relative alle incongruenze riscontrate per favorire prevenzione, trasparenza e adempimento spontaneo

Thumbnail

Individuate le anomalie nei dati degli studi di settore, per il triennio di imposta 2015-2016-2017, che sono comunicate ai soggetti interessati mediante pubblicazione nel proprio “Cassetto Fiscale”, consultabile sul sito dell’Agenzia. Nel caso in cui un contribuente risulti interessato da più tipologie, sarà elaborata una sola comunicazione. Ad approvarle, il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 27 giugno.

Fra i casi di anomalie, anche per il triennio 2015-2016-2017, imprese o esercenti attività professionali che hanno omesso di dichiarare il valore dei beni strumentali in presenza di ammortamenti, imprese con incoerenze nella gestione del magazzino, o ancora che hanno indicato il valore delle rimanenze finali superiore al valore delle corrispondenti esistenze iniziali, o imprese con incongruenza tra lo studio di settore presentato e gli elementi specifici dell’attività dichiarati.
Confermate, come per il precedente triennio, le cause di esclusione dalla selezione, fra cui le cessate attività, le partite Iva chiuse o i fallimenti e i decessi.

Come previsto dal provvedimento del 18 giugno 2015, le comunicazioni di compliance nei confronti dei  soggetti cui si applicano gli studi di settore sono trasmesse dall’Agenzia, via Entratel, all’intermediario, se il contribuente ha effettuato questa scelta al momento della presentazione di “Redditi 2018”, per il periodo di imposta 2017, e se tale intermediario ha accettato, nella medesima dichiarazione, di riceverle.

Se non c’è la delega all’intermediario, l’Agenzia comunica ai contribuenti via Pec l’aggiornamento della sezione degli studi di settore del “Cassetto fiscale”.
Inoltre, i contribuenti abilitati ai servizi telematici visualizzano un avviso personalizzato nell’area autenticata e ricevono un messaggio di posta elettronica e/o tramite short message service, con cui è data comunicazione che la sezione degli studi di settore del “Cassetto fiscale” è stata aggiornata con l’invio delle comunicazioni di anomalie.

URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/invio-comunicazioni-caso-anomalie-dati-2015-2017