Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

L'Agenzia risolve con due codicii contributi per colf e badanti

E' possibile la presentazione del modello presso banche, Posta, agenti della riscossione e per via telematica

Thumbnail
L'Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 209/E dell'11 agosto 2009, ha istituito il codice tributo necessario per il versamento, tramite il modello F24 Versamenti con elementi identificativi, del contributo forfetario per la "Dichiarazione di attività di assistenza e di sostegno alle famiglie".
In realtà i codici sono due e precisamente RINT (Datori di lavoro domestico - emersione lavoratori italiani e comunitari) e REXT (Datori di lavoro domestico - emersione lavoratori extracomunitari).

La risoluzione 209/E, nel fissare i termini e modalità di versamento, ha stabilito che il pagamento del contributo dovuto per ogni lavoratore (500 euro) deve essere effettuato, a partire dal prossimo 21 agosto, tramite F24 Versamenti con elementi identificativi. Il modello può essere presentato presso qualunque sportello bancario, postale e degli agenti della riscossione, oppure anche per via telematica. Per quest'ultima opzione si potranno utilizzare esclusivamente i servizi on line dell'agenzia delle Entrate con esclusione, pertanto, di quelli offerti dal sistema bancario (home banking e corporate banking) e postale (home banking).

Occorre sottolineare che nel nuovo campo "elementi identificativi", presente nel sopra citato modello, deve essere riportato il codice fiscale del lavoratore oppure, nel caso questi ne sia sprovvisto, i primi 17 caratteri del numero identificativo di un documento di identità valido.
E' possibile "scaricare" il modello F24 Versamenti con elementi identificativi - con le specifiche istruzioni e gli esempi di compilazione - dai siti web www.agenziaentrate.gov.it , www.interno.it , www.lavoro.gov.it e www.inps.it.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/lagenzia-risolve-due-codicii-contributi-colf-e-badanti