Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

Nuove norme nuova descrizione. Beneficiari sempre i Monopoli

I numeri per pagare le sanzioni comminate ai concessionari della raccolta di scommesse ippiche e sportive

Thumbnail
I due codici c’erano già, ora si allineano all’evoluzione normativa. Con la risoluzione 75/E del 26 luglio i numeri 5133 e 5137, pur continuando ad assolvere la funzione di sempre, assumono una nuova denominazione. Vanno in pensione i riferimenti normativi oramai obsoleti, lasciando il posto a un titolo più chiaro che consente all’Amministrazione creditrice, i Monopoli di Stato, di gestire al meglio le nuove convenzioni di concessione della raccolta di scommesse ippiche e sportive.   In sostanza, i codici in questione servono a versare, tramite modello F24 accise (“Sezione Accise/Monopoli ed altri versamenti non ammessi in compensazione”), le sanzioni comminate dall’Aams agli esercenti autorizzati che hanno deciso, in autonomia e senza autorizzazione, di sospendere l’attività di raccolta. La somma raggiunge la cassa dei Monopoli con la motivazione “dentro” il codice tributo. Una motivazione che, fino a ieri, faceva riferimento ai contenuti di due decreti del 1999, sopravanzati dall’evoluzione delle norme nel settore del gioco.   Pertanto, ora, la denominazione dei due codici è, rispettivamente:
  • per il 5133, “penale per la sospensione non autorizzata della raccolta di scommesse e giochi pubblici su base ippica di cui alle relative convenzioni”
  • per il 5137, “penale per la sospensione non autorizzata della raccolta di scommesse e giochi pubblici su base sportiva di cui alle relative convenzioni”.
  Le altre informazioni da fornire nell’F24 Accise sono:
  • la lettera “M” nel campo “ente”
  • il “codice concessione” nel campo “codice identificativo”
  • l’anno cui si riferisce il versamento nel campo “anno di riferimento”.
Nessun valore va indicato nei campi “provincia” e “mese”.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/nuove-norme-nuova-descrizione-beneficiari-sempre-monopoli