Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

La remissione in bonis salva
il consolidato fiscale nazionale

Gli adempimenti dimenticati possono essere recuperati e regolarizzati entro il termine di presentazione della prima dichiarazione utile, versando contestualmente la sanzione di 250 euro

Thumbnail

Porte aperte al consolidato nazionale nonostante l’omessa presentazione del modello per la designazione della consolidante e la mancata comunicazione, da parte di quest’ultima, dell’esercizio dell’opzione. In presenza dei necessari requisiti, grazie alla remissione in bonis, si può rimediare e non perdere il diritto di accedere al regime opzionale.
È, in sintesi, il contenuto della risposta n. 82/2019 fornita dall’Agenzia delle entrate a un’istanza di interpello.
 
Il quesito
La richiesta di parere è arrivata da una società di capitali (Alfa), priva di stabile organizzazione in Italia, che opera nel settore immobiliare occupandosi della acquisizione, valorizzazione e gestione di immobili, e detiene una partecipazione nella misura del 100% in tre società italiane (Beta, Gamma e Delta), per le quali era stato deciso che, a partire dal periodo d’imposta 2018, optassero per il regime del consolidato fiscale nazionale (articolo 117, comma 2-bis, Tuir), designando Gamma come consolidante.
Tuttavia, a causa di disguidi, non sono stati posti in essere i necessari adempimenti formali, ossia la presentazione da parte di Alfa del modello per la designazione di Gamma come consolidante e la comunicazione dell’esercizio dell’opzione per il regime, da parte di quest’ultima, mediante compilazione del quadro OP del modello Redditi SC 2018.
Viene chiesto se e in che modo possono essere sanate tale omissioni.
 
Il parere dell’Agenzia
Nell’esaminare la normativa di riferimento, l’Agenzia ricorda che:

  • le società che intendono adottare la tassazione consolidata di gruppo devono esercitare la specifica opzione entro il termine stabilito dall’articolo 119 del Tuir, cioè con la dichiarazione presentata nel periodo d’imposta a decorrere dal quale si intende esercitare l’opzione
  • il modello di designazione della controllata residente in qualità di consolidante deve essere presentato dall’inizio del periodo d’imposta per il quale la controllata designata esercita l’opzione per il consolidato (provvedimento 6 novembre 2015)
  • circa l’esercizio delle opzioni, dal 2 marzo 2012 è stata introdotta una particolare forma di ravvedimento operoso (“remissione in bonis” – articolo 2, comma 1, Dl 16/2012), per evitare che mere dimenticanze relative a comunicazioni o ad adempimenti formali precludano al contribuente, in possesso dei requisiti sostanziali, la possibilità di fruire di benefici fiscali o di regimi opzionali.
     
    Pertanto, Gamma potrà accedere, a partire dal periodo d’imposta 2018, al consolidato fiscale nazionale, in qualità di consolidata, se:
  • la violazione non è stata constatata o non sono iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali la società istante ha avuto formale conoscenza
  • ha i requisiti sostanziali richiesti dalla norma (articoli 117 e seguenti del Tuir) alla data originaria di scadenza del termine previsto per l’esercizio dell’opzione
  • esercita l’opzione compilando il quadro OP del modello Redditi 2019 e versando la sanzione di 250 euro.
     
    Allo stesso modo, Alfa, avvalendosi anch’essa della remissione in bonis, può presentare il modello di designazione della controllata italiana consolidante (Gamma) entro i termini di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2018, versando la sanzione di 250 euro.
URL: https://www.fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/remissione-bonis-salva-consolidato-fiscale-nazionale