Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

Bonus distribuzione giornali,
le istanze dal 14 ottobre 2022

Rinnovato l’intervallo temporale per trasmettere telematicamente le richieste di accesso al credito d’imposta per favorire la distribuzione di quotidiani e periodici nei piccoli centri

Nuovi termini per la presentazione delle domande di accesso al credito d’imposta a favore delle imprese editrici per la distribuzione di quotidiani e periodici. Le istanze, stabilisce il decreto del 2 agosto del dipartimento per l’Informazione e l’Editoria, potranno essere inoltrate dal 14 ottobre al 14 novembre 2022. Il differimento arriva dopo il via libera alla misura da parte della Commissione europea  

Da imprenditore a professionista,
è uguale per il “Sostegni-bis”

La risposta alloggia in una circolare dell’Agenzia, emanata in sede di chiarimenti al decreto “Rilancio”, nonché nelle finalità del contributo, introdotto per sostenere tutti gli operatori economici

In caso di cessione d’azienda, nel determinare l'ammontare del fatturato medio da porre a confronto per la verifica dei requisiti di accesso al “contributo Sostegni-bis”, l'istante deve elidere le somme riferibili all'imprese ceduta. Inoltre, il passaggio dall'attività di impresa a quella professionale non determina alcun effetto sulle modalità di fruizione del contributo (risposta n. 419/2022)

Vendite online di omaggi floreali:
nessun obbligo di emissione fattura

Si tratta di operazioni di commercio elettronico indiretto per le quali l’istante fra l’altro è esonerato anche dall’onere di certificazione telematica dei corrispettivi

L’attività di trasmissione di ordini e vendita B2C di omaggi floreali, piante, frutta, vini o alimenti confezionati sia in Italia che all’estero attraverso la quale l’istante riceve l’ordine on line dal cliente, lo trasmette a un fiorista che consegna i fiori, o il bene acquistato, al destinatario indicato dallo stesso cliente, non è soggetto all’obbligo di emissione di fattura vendite per corrispondenza senza fattura (risposta n. 416/2022)