Articolo pubblicato su FiscoOggi (https://fiscooggi.it/)

Normativa e prassi

Crs/Dac2 e Fatca: slitta il termine
per la trasmissione delle informazioni

Si tratta dell’obbligo, per gli intermediari finanziari italiani, di comunicare al Fisco i dati relativi ai titolari di conti nel nostro Paese residenti negli Stati aderenti allo standard globale e in Usa

Considerata la possibilità di modifiche normative e tecniche alle norme nazionali che hanno seguito la ratifica degli accordi internazionali Fatca e Crs/Dac2, nonché al modulo di validazione messo a disposizione delle istituzioni finanziarie, l’Agenzia concede più tempo agli operatori per trasmettere le comunicazioni relative al 2018: il nuovo termine è il 20 giugno 2019.  

La sentenza di cassazione con rinvio
rende la lite pendente in primo grado

L’equiparazione discende dalla considerazione che, in caso di mancata riassunzione a seguito di quanto statuito dalla Corte suprema, si consoliderebbe l’originario atto impositivo

In caso di sentenza di appello cassata con rinvio, ai fini della definizione agevolata della controversia tributaria pendente (articolo 6, Dl 119/2018), è dovuto un importo commisurato al 90% del relativo valore, analogamente a quanto previsto per i ricorsi pendenti dinanzi alla Commissione tributaria di primo grado (risposta n. 84/2019).

Ricerca e sviluppo commissionata:
rilevano soltanto le attività dirette

La società che effettua sperimentazione clinica per conto di un soggetto non residente non può usufruire del bonus anche in riferimento ai lavori che, a sua volta, affida ad altre strutture

Ai fini del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo effettuate su incarico di committenti non residenti, sono rilevanti le sole spese relative alle attività svolte direttamente dal commissionario in laboratori o strutture situati in Italia; nella determinazione del bonus non rientrano quelle subappaltate a soggetti terzi (risposta n. 83/2019).